Skip to content

Manifesto

MANIFESTO d’INTENTI

 

Never Wine Alone è un preludio, una scintilla di idea da nutrire e dissetare.

Un’emancipazione del dilettantismo in cui la gioia di condividere una bottiglia è più importante del risultato.

Una ricerca del bello e del buono ma senza altari da cui profetizzare cosa sia uno e cosa l’altro.

È cultura che genera curiosità, curiosità che genera coscienza, coscienza che genera responsabilità.

È ricerca enologica e vitivinicola con leggerezza ma non con superficialità.

 

Never Wine Alone è la sintesi di un comune desiderio scaturito da un percorso appena iniziato.

Sommelier AIS inquieti che cercano strade non battute per esprimersi invertendo l’ordine degli addendi in un mondo in cui il sapere è sentire, il sentire è spesso sentito dire e il gustare è relegato per ultimo, quasi fosse accessorio.

Ci smarchiamo da tutto questo insieme a voi, allontanandoci da tutto ciò che sono schemi preconfezionati, linguaggi cattedratici, vacue imitazioni.

Nessun meta-snobbismo o tradimento di classe. Parliamo di vignaioli, di vigne, di vini e andiamo a ritrovarli in un bicchiere sempre colmo. I libri e i taccuini ricchi di appunti li lasciamo sulla nostra scrivania, li lasciamo alla nostra indispensabile formazione personale.

Con voi vorremmo fare altro.

Condurvi alla degustazione del Vino senza preconcetti, dogmi impartiti dal mercato o logiche di prezzo.

Organizzare eventi per cui il leitmotiv sia lo scambio di sensazioni e aneddoti in un ambiente rilassato e conviviale.

Affiancarvi durante un pranzo o una cena per ricercare insieme il miglior abbinamento o la bottiglia di cui avete bisogno in quel momento.

Portare a casa vostra il concetto che ciò che è memorabile non è mai nato da una formula, scrollandoci di dosso quel senso di inadeguatezza che avvertiamo di fronte ad un vasto e inesplorato mondo come può essere quello eno-gastronomico.

Nessun errore, nessun rimprovero e nessuna condanna. Nessun understatement per fare capire che sappiamo ma non vogliamo ostentarlo. Nessuna gara onanistica alla ricerca del sentore perduto. Vogliamo imparare da voi prima che voi impariate da noi.

La cieca ritualità o la disperata memorizzazione di concetti e formulari sono gesti fini a se stessi. Per noi invece “non esiste descrizione organolettica senza convivialità, non c’è convivialità senza estetica e non c’è estetica senza il piacere”.

 

Iacopo

Stefano

Thomas

Sommelier a Domicilio per cene private, eventi e fiere. Consulenze e servizi sommelier.